Sezione in continuo aggiornamento , non ancora completa , per info e/o suggerimenti - info@fantafonda.it
FantaFonda Città - Acireale - Festa Santa Venera
Home Storia Luoghi ed Itinerari Sapori e Ricette Carnevale News ed Eventi - Acireale Blog FantaFonda

Festa Santa Venera - Acireale 26 luglio

Santa Patrona di Acireale

La festa per Santa Venera si svolge il 26 luglio con una processione religiosa che vede il fercolo esposto lungo la città
ed un magnifico spettacolo pirotecnico musicale in piazza Duomo.

I seguenti video si riferiscono alla festa del 2008

 

Le Seguenti informazioni sono tratte da Wikipedia

Santa Venera sarebbe nata il venerdì Santo dell'anno 100 d.C., nella zona delle terme romane Xiphonie vicino Acireale (dette anche Terme di Santa Venera al Pozzo), figlia di due nobili cristiani della Gallia, Agatone e Ippolita, pii e devoti, dediti alla carità e all'aiuto dei miseri, che dopo 35 anni di preghiere e suppliche a Dio, traferitisi dalla Gallia prima a Roma e poi ad Aci-xifonia, ebbero la gioia di avere una figlia. La madre voleva che si chiamasse Venera in ricordo del giorno fortunato della sua nascita, però Agatone, temendo che quel nome potesse essere confuso con quello della dea la chiamò Veneranda; ma i greci della contrada, ispirandosi al nome usato dagli Ebrei nell'indicare il giorno precedente al sabato della Pasqua, nel quale era nata la fanciulla, la chiamarono Parasceve. Consacratasi a Dio, Venera studiò la Bibbia e le vite dei martiri e, dopo la morte dei genitori, all'età di 20 anni, si sarebbe dedicata per dieci anni all'ascesi e poi, a 30 anni, dati tutti i suoi beni ai poveri, cominciò a predicare il Vangelo spostandosi da un capo all'altro della Sicilia, non trascurando l'assistenza a poveri e malati, cosa che aveva sempre fatto, ancor fanciulla, sotto la guida della madre. Secondo la tradizione, Venera avrebbe predicato il messaggio evangelico nella sua Sicilia e poi in Campania e in Calabria. Qui sarebbe stata arrestata a Locri dal prefetto Antonio, il quale avrebbe cercato invano di ricondurla alla religione romana, prima con inviti e poi addirittura con atroci torture, dalle quali però Venera sarebbe uscita illesa. Il prefetto Antonio si convertì alla vista di tanti miracoli. Dopo questa esperienza, Venera avrebbe ripreso l'attività missionaria, percorrendo quasi tutte le province della Magna Grecia e convertendo molte persone, fino a un nuovo arresto da parte delle autorità locali (in particolare si fa il nome di un certo Temio), che l'avrebbe sottoposta ad altre torture ma dalle quali, anche stavolta, sarebbe uscita illesa ed avrebbe convertito il tiranno Temio. Secondo la tradizione, Venera sarebbe morta in Gallia in seguito a una condanna alla decapitazione e il suo corpo lasciato insepolto finché alcuni cristiani l'avrebbero traslato ad Ascoli Piceno, dove sarebbe stato venerato fino al IV secolo, quando sarebbe stato trasferito a Roma, un 14 novembre. Secondo una tradizione diversa[senza fonte], invece, Venera sarebbe morta il 26 luglio del 143 d.C., per decapitazione ma in Sicilia anziché in Gallia, e precisamente nello stesso luogo dove si presume sia nata. La tradizione inoltre riporta come, prima di morire decapitata, la santa abbia chiesto ed ottenuto con una voce venuta da cielo, la promessa da Dio che, chiunque si fosse rivolto a lei con fede, avrebbe avuto concessa la liberazione dalle angosce in cui si trovasse. Le sue reliquie sarebbero giunte ad Acireale soltanto nel tardo Medioevo (anche se in momenti diversi), probabilmente da Roma. Nella città di Salemi, paese della Sicilia Occidentale, vengono custodite le restanti parti del corpo della santa; queste erano poste dentro un sarcofago sotto una delle cappelle della Chiesa dei Gesuiti, oggi Chiesa Madre e un'iscrizione riporta proprio il nome della santa in latino "Veneriae" e del suo martirio. A Taormina una tradizione locale riferisce del ritrovamento degli arnesi usati per il martirio di Venera.


Segui questo link per accedere all 'articolo originale tratto da wikipedia


FantaFonda Città è una sezione del sito FantaFonda (2007 - 2018) - www.fantafonda.it - info@fantafonda.it

Condizioni utilizzo fantafonda
- Privacy e Cookie